Bambino mangia da un piatto

Ricette naturali per un’alimentazione per bambini sana e nutriente. Menù e consigli per abituare il palato dei più piccoli a gusti meno zuccherati e all’utilizzo della giusta quantità di proteine e nutrienti equilibrati per crescere bene

Adottare ricette naturali per favorire una alimentazione per bambini sana e nutriente non è certo facile. I piccoli sono attenti a quello che si propone nel piatto e molto esigenti sui sapori. Inoltre gli stimoli esterni non aiutano: il marketing dell’industria alimentare li vede come un grande mercato di consumatori da educare. Il punto è cosa fare da mangiare per rispettare una sana alimentazione ma anche la voglia di piatti gustosi?

Merendine, snack e prodotti da forno pronti per l’uso e bevande zuccherate invitanti che insieme ai succhi di frutta non fanno altro che assuefare a sapori saturi e abitudini scorrette che aumentano obesità e infiammazione. In questa breve guida abbiamo raccolto i dati di alcuni studi per capire quale sia l’alimentazione per bambini più sana con alcune idee e consigli su ricette da cucinare e preparare in modo semplice. Si tratta di piatti appetitosi che non escludono nessun tipo di alimento.

Importanza alimentazione bambini

Negli ultimi anni le conoscenze e gli studi sul campo sugli effetti del cibo sulla salute si sono notevolmente evolute ed è chiaro come le bevande zuccherate, i prodotti dei fast food (compreso merendine e prodotti preconfezionati) e un eccessivo consumo di proteine animali siano legate a patologie importanti. Non a caso nelle nuove raccomandazioni riportate dal WCRF (World Cancer Research Fund) un intero capitolo è dedicato al consumo di bevande zuccherate come causa di aumento di peso, sovrappeso e obesità.

I bambini sono i primi a farne le spese, i dati di studi e indagini sottolineano come l’obesità, asma, eczemi, malattie autoimmuni e allergie sono strettamente correlate a cattive abitudini alimentari. Cosa si può fare? Ancora una volta sono i genitori che devono prendersi l’impegno di educare i figli a un’alimentazione sana per i bambini mentre la scuola dovrebbe fare la sua parte.

Cibi industriali e merendine

Probabilmente se i bimbi non mangiano frutta e verdura non è colpa loro, ma di scorrette abitudini alimentari indotte anche involontariamente dai genitori e da una mancanza di cura nel proporle in maniera attraente. L’esempio vale più di tante parole, a partire dal concepimento e a maggior ragione quando il bambino è nella pancia. Purtroppo non sempre è possibile per una serie di ostacoli anche culturali che si insinuano e fanno credere all’87% degli italiani che stanno seguendo la corretta dieta Mediterranea, quando invece indagini più approfondite riportano risultati decisamente contrari.

I riscontri in termini di numeri e di indagini strettamente scientifiche si possono trovare anche nel libro il ‘Cibo dell’Uomo‘ del famoso medico ed epidemiologo Franco Berrino e in particolare nel capitolo dedicato all’alimentazione dei bambini. ‘Giù le mani dai bambini’ così recita il titolo, un monito all’industria alimentare che cerca in tutti i modi di prendere il sopravvento influenzando le scelte di intere famiglie proponendo i cibi industriali ricchi di zuccheri, conservanti, additivi, coloranti, edulcoranti, emulsionanti, stabilizzanti. E non solo.

Troppe proteine nel piatto

Il consumo elevato di proteine è un’altro problema fondamentale da mettere in conto insieme alle porzioni eccessive. Nelle linee di indirizzo nazionali per la ristorazione scolastica pubblicate dal Ministro della Salute sono presenti ogni giorno uno o più cibi animali per un totale di circa 33 grammi di proteine. Una cifra decisamente elevata se pensiamo che fabbisogno giornaliero di un bambino delle scuole elementari secondo una ricerca organizzata da Fao, Who e Onu dovrebbe essere compreso tra i 0,9 e i 1,1 grammi di proteine per kg di peso corporeo.

Stiamo abituando i bambini a mangiare proteine più del necessario? O stiamo delegando a interessi commerciali la salute dei nostri figli? Secondo il dottor Berrino e secondo altri importanti studiosi, bisogna tornare al cibo semplice, quello tipico della tradizione mediterranea ricco di cereali, legumi, semi, verdura. Studi e conferme arrivano anche dall’America a sostegno della validità della dieta mediterranea, la migliore esistente al mondo. I consigli sono quelli che riguardano in generale un modo di mangiare sano: variare la scelta, preferire cibi semplici e non elaborati con un occhio alle calorie complessive.

La piramide alimentare transculturale è la soluzione da adottare per tutte le famiglie. Si tratta di uno strumento di educazione alimentare creato dalla Società Italiana di pediatria. Come orientarsi nella scelta degli alimenti? Alla base troviamo l’attività fisica e adeguato riposo seguito da una giusta assunzione di acqua, 3-5 pozioni di frutta e ortaggi al giorno, lo stesso per i cereali, 1-2 porzioni di latte-yogurt al giorno, 1 porzione di noci e semi al giorno, mentre in settimana 4-5 porzioni di legumi, 3-4 porzioni di pesce e massimo 3 porzioni di carne, 2 di formaggi e 1-2 porzioni di uova. Dolci e snack sono il vertice della piramide per un’assunzione davvero limitata.

Cucinare con i bambini

Di fronte all’evidenza inutile ignorare i benefici. Cosa aspettiamo a cambiare eventuali abitudini scorrette? I genitori hanno una grande responsabilità anche nell’educazione alimentare dei figli a partire dal concepimento. Esistono ingredienti e strategie alimentari che aiutano a preferire cibi freschi e soprattutto a ridurre le dosi. Lo stesso vale per lo zucchero: dolcificanti alternativi come la frutta secca e i vari malti sono più salutari e capaci di abituare a un gusto meno dolce.

Cucinare con i bambini, quando il cibo si trasforma in un gioco di condivisione e scoperta. Toccare con mano sviluppa il gusto e l’abitudine a variare utilizzando ingredienti freschi e genuini, così come si trovano in natura a seconda della stagione. Stimola la voglia di provare nuovi alimenti a combinarli secondo i colori, le forme e i sapori senza escludere niente a priori. Certo ci vuole tempo e pazienza soprattutto all’inizio per coinvolgerli nella maniera giusta, ma la prospettiva legata al successo dell’operazione è evidente. Mangiare bene significa prevenire malattie croniche future, obesità e molti altri problemi durante la vita.

Alimentazione per bambini sana

La prima regola è organizzarsi per tempo per non arrivare all’ultimo minuto con il problema di cosa portare e cadere nel solito snack confezionato o focaccia. Se proprio il tempo manca, cercate le merendine con la composizione più semplice a basso contenuto di grassi e zucchero. Una sola porzione, mi raccomando! L’apporto energetico della merendina dovrebbe essere per un bambino da 6 ai 10 anni intorno alle 100 calorie. Si può arrivare al massimo di 140 calorie per un ragazzo di 16-18 anni che necessita di un apporto giornaliero medio di 2800 calorie circa. Ce ne sono di tutti I tipi in commercio: una porzione può sviluppare dalle 100 alle 250 calorie.

Meglio sapere che le merendine più grasse sono quelle a pasta sfoglia come i croissant e tutti i tipi farciti e ricoperti con creme di cioccolato a cui si sommano quelle fresche con il latte e pan di spagna (fetta al latte) ricche di grassi. Prodotti con pasta lievitata naturalmente e con una percentuale di amido maggiore rispetto a farina e zucchero sono decisamente da preferire come tortine e merendine con cereali soffiati. Quelle biologiche non vuol dire che siano migliori, magari esiste qualche vantaggio in più (zuccheri e farine meno raffinate, frutta secca) ma anche qui bisogna fare attenzione agli ingredienti in etichetta.

Merenda sana al parco

In realtà basta poco per preparare una merenda gustosa, il problema è abituare il bambino a nuovi sapori. La frutta oleosa in guscio e la frutta essiccata risulta essere la soluzione più comoda e salutare che vanta una varietà di scelta notevole (tenere presente che la dose di frutta secca giornaliera si aggira sui 30 grammi). Si possono preparare piccoli fagottini con prugne e mandorle, aprendo la prugna secca a metà infilare la mandorla nel mezzo, al posto del nocciolo, aggiungere un poco di cacao amaro e di cannella in polvere.

Le barrette di cereali al cacao o barrette di sesamo e mandorle da preparare prima a casa con qualche semplice ricetta possono far gola a tutti. E che dire di un panino con crema di sesamo (tahin) e pomodoro o la classica ‘bruschetta’ per chi ama il salato oppure i pop corn (chicchi di mais) preparati a casa e ‘conditi’ con sale o zucchero magari accompagnati a una croccante carota? Macedonie e frutta fresca sarebbero l’ideale, il problema è la difficoltà nel trasporto e la deperibilità, come lo yogurt. Meglio i muffin, plumcake e cookies casalinghi da preparare con stampini appositi.

La ricetta dei muffin è facile: 200g di farina, 100g di fiocchi di avena, 150g zucchero di canna, 200ml latte, una confezione di lamponi, 60ml olio extravergine oliva, 1 pizzico di sale, 1 bustina di lievito. Impastare tutti gli ingredienti poco alla volta, ultimi i lamponi. Infornare a 180 gradi per circa 35 minuti.

Ricette per tutte le età

Il punto è cosa fare da mangiare per rispettare una alimentazione per bambini sana ma anche stuzzicante? Abbiamo raccolto alcune idee e consigli su ricette per bambini da cucinare e preparare in modo semplice. Si tratta di piatti gustosi che uniscono fotografie e una guida rapida alla preparazione di diverse ricette online con tanti menu appetitosi per bimbi inappetenti o non proprio amanti del cibo in generale.

Il cucchiaio Semplici ricette per ogni occasione e tanti consigli per organizzare la dispensa. Idee curiosi e invitanti a partire dalla prima pappa fino a piatti più elaborati adatti ai bambini esigenti attenti anche alla presentazione

Pianetamamma Le ricette mettono in primo piano l’estetica del piatto con preparazioni originali e divertenti da seguire passo dopo passo.

Gnamgnam Ricette semplici e appetitose capace di soddisfare qualsiasi tipo di palato. Grande spazio è affidato a menù semplici e sani per abituare il bambino a gusti che si avvicinano alla cucina vegetariana.

BabyGreen Cereali e legumi viene messo in primo piano insieme alla preparazione di piatti con ingredienti alternativi a quelli tradizionali. Esiste un ricettario con tante idee per bambini e famiglia. Regole per una dieta sana e consigli per una alimentazione naturale completa ad ogni età.

Buttalapasta si rivela un’esperto nell’indicare menù per bambini a partire dai primi piatti fino alla frutta con fotografie del piatto cucinato.

Sottocoperta Impartisce consigli su come preparare alimenti utili e vari da mangiare durante i giorni della settimana. Dallo svezzamento in poi, consigli e idee pratiche.

Mammafelice Pasti periodici adatti a bambini nel periodo dello svezzamento o appena dopo, da 1 a 2 anni. Tanti e preziosi consigli per un’alimentazione equilibrata a cominciare da piccoli.

Articolo precedenteVini vitigni italiani stranieri: consigli blog
Articolo successivoMusica e silenzio natura che emoziona