ragazza ascolta musica

E’ inutile negare la propensione al consumo delle persone e tantomeno dei giovani, ma con la musica come la mettiamo? Ecco i risultati di un sondaggio sul desiderio degli adolescenti di comprare musica

Per capire in che direzione andrà il mercato della musica si discute sulle abitudini di ascolto in atto e future della nuova era digitale, ma sembra che i nuovi sistemi non abbiano ancora scaldato i cuori delle nuove generazioni. Secondo un sondaggio realizzato dalla società di analisi Piper Jaffray su 4.500 studenti, sembra che i più giovani non abbiano nessuna intenzione di pagare per ascoltare musica. Cresciuti a pane computer e social network tra concetti di gratuità presunta e senza avere apprezzato le qualità di supporti fisici come lp o cd, i teenagers si dicono interessati alla musica e agli mp3 (il 77%), ma nel 66% dei casi per il download si affidano esclusivamente al peer to peer.

In compenso sono disposti a spendere un sacco di soldi per acquistare un iPhone. Solo il 12% acquista musica su internet, nel 95% dei casi utilizzando iTunes. Il che suggerisce che iTunes, se il sistema della musica e l’industria non si inventeranno qualcosa, continuerà a dominare in futuro, ma con un mercato della musica sempre più povero. Il 53% degli adolescenti ascolta musica con smartphone, altrimenti, nell’86% dei casi, con l’iPod seguito molto da lontano dai lettori Zune di Microsoft, Sony (3%) e Sandisk (2%).