Accordare la chitarra è un processo essenziale per ogni chitarrista. Per principianti o professionisti che non vogliono affidarsi solo all’orecchio, gli accordatori online e le app sono un modo pratico e conveniente per ottenere un suono perfetto

Accordare la chitarra è un passo cruciale per ogni chitarrista, sia che si tratti di un principiante che impara le basi o di un musicista esperto che si prepara per un concerto. Grazie alla tecnologia moderna, non è più necessario affidarsi esclusivamente all’orecchio per ottenere una intonazione perfetta. Gli accordatori online e le app offrono un modo rapido, preciso e conveniente per assicurarsi che ogni corda sia accordata correttamente.

Questi strumenti tecnologici non solo forniscono una comodità senza precedenti per i chitarristi di tutti i livelli, ma offrono anche funzionalità avanzate che vanno oltre la semplice accordatura. In questo articolo, vedremo come accordare la chitarra ad orecchio o utilizzare accordatori online e app, fornendo consigli per utilizzarli efficacemente ottenendo il miglior suono possibile.

Indice

Un pò di teoria: cos’è l’accordatura?

Prima di spiegare come accordare la chitarra ad orecchio e vedere come funzionano gli accordatori online e le app, è utile comprendere alcuni concetti fondamentali di teoria musicale legati all’accordatura degli strumenti in generale. Accordare uno strumento significa regolare le corde o il suo suono in altro modo (ad esempio nel caso di strumenti a fiato regolando la lunghezza delle canne) in modo che producano le note musicali desiderate quando vengono suonate in base ad uno standard unico.

La nota standard usata per l’accordatura degli strumenti è il La a 440 Hz, comunemente indicato come nota di riferimento. Questa scelta ha radici storiche e si è consolidata nel corso del tempo per varie ragioni pratiche e culturali fino ad essere adottata in tutto il mondo per garantire una coerenza nell’accordatura degli strumenti musicali. La Conferenza Internazionale sul Pitch del 1939, tenutasi a Londra, fu un momento chiave in questo processo di standardizzazione.

Durante questa conferenza, la frequenza di 440 Hz fu adottata come norma internazionale per il “La” di riferimento. Questa decisione fu influenzata da una serie di fattori, tra cui la praticità tecnica (440 Hz è facilmente divisibile per ottenere altre frequenze standard), la facilità di intonazione degli strumenti musicali e la preferenza dei compositori e degli esecutori dell’epoca. E’ importante notare che alcune tradizioni musicali o preferenze personali potrebbero richiedere l’uso di frequenze di riferimento diverse.

L’importanza dell’accordatura precisa

L’accordatura standard per una chitarra a sei corde suonate a vuoto, partendo dalla corda con diametro maggiore, è MI-LA-RE-SOL-SI-MI. Questo significa che la seconda corda della chitarra partendo dall’alto dovrebbe vibrare a 440 cicli al secondo. Una buona accordatura offre una migliore intonazione degli accordi e delle singole note, consentendo al chitarrista di eseguire brani musicali con maggiore precisione e espressività.

Anche se le note di tutte le chitarre classiche, acustiche ed elettriche sono MI-LA-RE-SOL-SI-MI, l’accordatura può variare in base alla preferenza personale o al genere musicale. Ad esempio, alcuni musicisti potrebbero preferire un’intonazione leggermente più bassa per creare un suono più rilassato, mentre altri potrebbero optare per un’accordatura più alta per una maggiore brillantezza e tensione delle corde.

Accordare la chitarra può essere eseguito manualmente, utilizzando un’accordatura relativa tra le corde e un riferimento esterno, come un diapason o un altro strumento già accordato. Oggi, grazie ai rapidi sviluppi tecnologici, è diventato sempre più comune utilizzare gli accordatori online o le app dedicate, che offrono un modo preciso e pratico per ottenere un’accordatura perfetta con facilità.

Accordare la chitarra ad orecchio

Accordare la chitarra ad orecchio è un’abilità preziosa che ogni chitarrista dovrebbe comunque sviluppare. Servono solo un pò di pratica e familiarità con i suoni delle singole note e degli accordi. Per iniziare bisogna ascoltare un La di riferimento a 440 Hz, che può essere un diapason o una fonte sonora stabile, come il La di un pianforte o di uno strumento accordato. Questo suono va memorizzato e confrontato col La della quinta corda della chitarra.

Se il La di riferimento e quello della corda non suonano in modo uguale, si deve modificare l’intonazione della chitarra agendo sul meccanismo di regolazione delle corde. Mentre si pizzica la corda e se ne ascolta il suono, la chiave del La va girata in un senso o nell’altro lentamente fino a quando il suono è uguale al riferimento. Accordare la chitarra è un’opportunità unica per sviluppare l’orecchio musicale e la capacità di ascolto.

Praticare l’accordatura ad orecchio regolarmente può aiutare a sviluppare una migliore comprensione della teoria musicale e la relazione tra le diverse note e accordi sulla tastiera della chitarra. Questa consapevolezza può migliorare la capacità di improvvisare, di comporre musica e suonare con altri musicisti in modo più fluido ed espressivo. Accordare la chitarra senza l’ausilio di dispositivi esterni rende più versatili e indipendenti come musicisti e sviluppa la capacità di cantare in modo intonato.

Apparecchi per accordare la chitarra

Gli apparecchi per accordare la chitarra sono strumenti utilizzati da molti chitarristi, sia principianti che esperti. Questi dispositivi, che possono essere acquistati presso negozi di strumenti musicali o online, sono disponibili in diverse forme e dimensioni. Alcuni si applicano alla paletta sul manico, altri sono inglobati direttamente nelle chitarre, altri ancora si collegano alla pedaliera degli effetti o ne fanno parte o sono inseriti negli amplificatori.

Sia che funzionino via cavo o abbiano un microfono, il principio di funzionamento di questi accordatori è generalmente lo stesso: rilevano le vibrazioni del suono delle corde della chitarra e forniscono una visualizzazione della frequenza per aiutare il musicista a regolare l’accordatura. Quando il chitarrista regola le chiavi, a segnalare l’esatta intonazione può esserci un indicatore a lancetta, dei led o altri sistemi visuali.

Utilizzare un accordatore fisico può essere particolarmente vantaggioso in situazioni in cui non si abbia a disposizione il suono di riferimento, o sia necessario accordare la chitarra in fretta e nel caso ci sia rumore di fondo, tipicamente sul palco durante i concerti. L’utilizzo di questi apparecchi in generale è molto semplice e anche il prezzo non è elevato. La scelta dipende dalle preferenze personali del chitarrista e dalle situazioni specifiche in cui si trova.

Accordatori online e siti

Chi ha particolare difficoltà nell’accordare la chitarra ad orecchio e non vuole acquistare un accordatore fisico, può avvalersi degli accordatori online e delle app per smartphone. I primi, disponibili gratuitamente su una varietà di siti web, consentono ai chitarristi di verificare l’intonazione delle corde utilizzando semplici visualizzazioni grafiche o audio. Per utilizzarli è necessario accedere il microfono del computer o dello smartphone e seguire le istruzioni per regolare ogni corda fino a raggiungere l’intonazione desiderata.

Gli accordatori online sono particolarmente utili per i principianti, poiché forniscono un aiuto visivo nella ricerca dell’intonazione corretta. Un vantaggio significativo è la possibilità di utilizzarli gratuitamente, senza la necessità di acquistare o installare software aggiuntivo, purché si disponga di una connessione internet. Alcuni offrono anche la possibilità di selezionare diverse modalità di accordatura, adattandosi così alle esigenze specifiche del chitarrista, che sia alle prime armi o un musicista esperto.

La precisione degli accordatori online può variare a seconda della qualità del software e dell’hardware utilizzati. Alcuni potrebbero essere meno precisi di altri, quindi è consigliabile fare attenzione nella scelta e utilizzare fonti affidabili e ben note. E’ sempre una buona idea sviluppare anche l’orecchio musicale per essere in grado di rilevare eventuali discrepanze nell’intonazione e correggerle manualmente, se necessario.

App per accordare la chitarra

Oltre agli accordatori online, esistono numerose app per smartphone che offrono la stessa funzionalità, ma con un’interfaccia più user-friendly e portatile. Alcune delle migliori applicazioni hanno anche funzionalità aggiuntive come l’identificazione degli accordi e il metronomo integrato. Con un’ampia gamma di opzioni disponibili sia per dispositivi iOS che Android, gli appassionati di chitarra possono facilmente trovare un’app che si adatti alle loro esigenze e preferenze personali.

GuitarTuna Android | iPhone  Con milioni di download e recensioni entusiastiche, GuitarTuna è una delle app più popolari per accordare la chitarra e anche altri strumenti come basso, ukulele e violino. La sua interfaccia intuitiva e le funzionalità extra, come l’identificazione degli accordi e il metronomo, la rendono una scelta preferita per molti musicisti.

Fender Tune Android | iPhone  Sviluppata dal leggendario marchio di chitarre Fender, Fender Tune è un’app affidabile e accurata per l’accordatura della chitarra. Oltre alla modalità standard, offre anche opzioni per accordature alternative e strumenti a corda aggiuntivi. Con una interfaccia pulita e semplice da usare, è adatta sia ai principianti che ai professionisti.

BOSS Tuner Android | iPhone  BOSS è un altro nome di fiducia nel mondo degli strumenti musicali, e la loro app per l’accordatura della chitarra è all’altezza del marchio. Con un design intuitivo e una grande precisione, è una scelta eccellente per i chitarristi che cercano uno strumento affidabile sul palmo della loro mano.

Pro Guitar Tuner Android | iPhone  Questa app offre una vasta gamma di strumenti di accordatura, inclusi modelli specifici per chitarre acustiche ed elettriche, nonché per altri strumenti a corda come il banjo e il mandolino. La sua interfaccia semplice e le opzioni personalizzabili la rendono adatta a una varietà di esigenze e preferenze.


Articolo precedenteErasmus cos’è come funziona dove andare
Articolo successivoVacanze brevi viaggi di due o tre giorni
Autore: Fulvio Binetti
Fulvio Binetti è un editore online, fondatore di Bintmusic.it, musicista, produttore e esperto di comunicazione digitale. Da oltre tre decenni collabora con le principali realtà del campo audiovisivo, discografico ed editoriale, dove si è distinto nella produzione di canzoni e colonne sonore per tv, radio, moda, web ed eventi. In qualità di blogger, condivide approfondimenti su musica, cultura e lifestyle. Per saperne di più leggi la biografia o segui i suoi profili social.